• Home
  • Imparare le lingue solo attraverso la conversazione…

Imparare le lingue solo attraverso la conversazione…

Imparare le lingue solo attraverso la conversazione…

Si può imparare una lingua solo facendo conversazione? Oppure è necessario studiare la grammatica?
Una domanda difficile alla quale dare una risposta univoca!

La risposta dipende non solo dalla singolarità e unicità di ogni studente, ma anche e soprattutto dai risultati che si vogliono ottenere e dalla funzione riservata alla lingua che si sta apprendendo.

Studi di linguistica acquisizionale e glottodidattica dimostrano che l’apprendimento spontaneo può dare ottimi risultati per quanto riguarda la comprensione, ad esempio, durante una conversazione, o guardando film in TV, ma che spesso non permette di sviluppare adeguatamente le skill della lettura e della scrittura.
Inoltre, tendenzialmente si arriva a un momento di arresto, dove l’abilità in L2 si fossilizza e non avanza ulteriormente.

Per questo, personalmente ritengo che al fine di migliorare in tutti gli aspetti, recettivi e produttivi, orali e scritti, quando si apprende una lingua straniera non basti farlo attraverso la conversazione, ma essa debba essere associata a letture, fondamentali per implementare il vocabolario in L2, e focus su elementi di grammatica, utili per poter comprendere fino in fondo quello che leggiamo e ascoltiamo ma ancor di più per esprimerci correttamente, il che è grande fonte di soddisfazione per gli studenti.

Sicuramente il metodo grammaticale-traduttivo, che si usava una volta a scuola, basato solo sull’apprendimento della grammatica e la lettura/traduzione di frasi molto costruite e poco spontanee è fallace: lo studente, in questo modo, conosce solo ‘la teoria’, e si troverà probabilmente spiazzato qualora gli sia richiesto di usare effettivamente la lingua per comunicare.
Ma altrettanto fallace è la scuola di pensiero radicalmente opposta, che vorrebbe ‘evitare di studiare la grammatica e i vocaboli’.

Insomma, tirando le somme, direi che la conversazione in lingua è necessaria ma non sufficiente per un apprendimento linguistico a 360°.
Come dicevano i latini: in medio stat virtus! Silvia Sardi

È possibile imparare una lingua straniera solo attraverso la conversazione? La mia risposta è affermativa, è possibile anche ottenere un buon livello grazie all’utilizzo della conversazione come mezzo principale. Ovviamente sono consapevole che non sia sufficiente solo l’apprendimento orale per poter sviluppare anche altre abilità come comprensione e scrittura. È quindi fondamentale avere presenti gli obbiettivi che ci siamo prefissati per capire qual è il metodo più adatto al nostro percorso.

Nella mia esperienza personale da qualche mese sto seguendo un corso esclusivo di conversazione inglese. Durante la settimana ci riuniamo per una volta con un gruppo di studenti, circa un decina, e l’obbiettivo è solo quello di parlare e conversare. Chiaramente prendiamo come punto di partenza qualche tema, notizie di attualità o articoli e al termine della visione di un video o della lettura analizziamo alcuni aspetti e discutiamo insieme. Il focus principale rimane dunque la conversazione. Tutti gli studenti sono partiti con un livello che variava tra un base ed un intermedio e sono rimasta molto sorpresa dei risultati raccolti dopo sei mesi di incontri settimanali. Anche perché la conversazione settimanale aiuta a sconfiggere uno dei problemi principali nello studio della lingua: la vergogna. Spesso gli studenti quando si approcciano a delle lezioni interamente gestite nella lingua straniera si sentono spiazzati e quindi non rispondo, o se capiscono la domanda rispondono in italiano. È dunque per questa ragione che la conversazione serve per spingere lo studente a lasciare la zona di comfort e a sforzarsi, anche commettendo errori, di parlare nella lingua che ha deciso di studiare. Chiaramente, come sottolineato anteriormente, la conversazione non può preparare lo studente per una certificazione linguistica, dove servono altre competenze, ma lo può aiutare nell’affrontare un percorso con più sicurezza. Soprattutto perché conversando e leggendo si ha un arricchimento del lessico molto importante.

La soluzione è quindi un compromesso tra i vari metodi ma è sicuramente importante invogliare lo studente a parlare ed argomentare anche dai livelli iniziali per vincere quella barriera che spesso ci priva nel fare ulteriori sforzi. Marta Botti

Silvia Sardi, docente di inglese, francese e italiano per stranieri. Laureata in lingue. Ha trascorso diversi anni all’estero fra la Francia e l’Irlanda.

Marta Botti, docente di inglese e spagnolo. Laureata in scienze linguistiche, ha ampliato le sue competenze professionali in Spagna.