• Home
  • Viaggiare con le parole

Viaggiare con le parole

Viaggiare con le parole

La mia idea di viaggio della mente corrisponde, da sempre, al viaggio letterario.
Amo leggere praticamente da quando ho imparato a farlo, e da piccola passavo le estati facendo la spola fra la biblioteca del mio paese e casa, consumando le tesserine di cartone dove la bibliotecaria metteva un timbro blu per ogni romanzo preso a prestito e poi restituito.

C’è stato un periodo della vita dove, già giovane adulta, uscivo sempre e solo con un libro in borsa: suona bizzarro, lo so, ma mi rincuorava l’idea di avere sempre con me una cosa preziosa che mi avrebbe saputo far sentire a mio agio ovunque fossi.

I romanzi sono stati poi la mia compagnia negli interminabili viaggi in treno durante la ‘carriera’ di studentessa universitaria pendolare: ho percorso quotidianamente la stessa via, le stesse rotaie avanti e indietro, per anni ma grazie alle mie letture potevo visitare tutti i posti che volevo stando comodamente appollaiata sul mio sedile, fare degli incontri più affascinanti dei pendolari stanchi e assonnati come me che mi stavano seduti accanto, vivere grandi avventure in giro per il mondo e oltre!

Proprio di recente ripensavo al motto che mi hanno sempre ripetuto a scuola secondo il quale ‘è probabile che chi legge tanto sia poi bravo con le parole’, e a ben pensarci ho sempre amato scrivere, e usare lo strumento della lingua. E il mio lavoro di insegnante, com’è ovvio, consiste in un confronto costante con la lingua, la mia lingua madre e le altre lingue che conosco, amo e insegno, con le parole, con espressioni orali e scritte.

A questo proposito, ritengo che anche il momento dell’incontro con l’altro, e in particolar modo con chi viene dall’estero e ha dunque un background e un bagaglio culturale diverso dal nostro, nello scambio che avviene anche grazie alla conoscenza di un’altra lingua, si possa considerare in un certo senso un viaggio – non fisico, ma certamente metaforico.

Insomma, il viaggio letterario e quello linguistico sono due ottimi modi per ‘staccarci’ da casa per un po’ anche quando le condizioni non ce lo permettono, o comunque nella vita di tutti i giorni!

Silvia Sardi, insegnante di inglese, francese e italiano per stranieri presso Centro studi Ad Maiora.